Schumyno

Cittadino libero e in movimento

Segui i soldi e troverai le mafie

  • Prendendo spunto da alcuni confronti avuti su temi “economici”, mi sono ritrovato a ragionare (nuovamente) sulla interconnessione di certi eventi, sotto una nuova luce, rielaborando le informazioni raccolte in tanti anni di esperienza personale diretta.
  • DOMENICA 10 GIUGNO IN SVIZZERA SI VOTA PER DECIDERE DELLA PROPRIA MONETA. In bocca al lupo agli Svizzeri, spero sceglieranno per il DENARO SOVRANO. Stranamente, il Corriere della Sera ha pubblicato un bell’articolo. A pagina 29, ovviamente!!!  Leggetelo se vi interessa o se pensate che qui si parli di fantascienza.

Partendo da queste basi, ho rielaborato la risposta ricevuta da Bankitalia. Risposta Bankitalia creazione massa monetariaTra le altre cose afferma che la moneta legale (ovvero emessa dalla BCE) è solo del 15,8%, rispetto alla moneta “bancaria” (in larga parte depositi) che ne costituisce quindi l’84,2%: dati novembre 2016.

Ma chi sono gli istituti che emettono quel 84,2%? Incuriosito sono andato a cercarmi qualche info, è ho trovato un documento di Bankitalia che afferma che nel 2004 la Germania aveva ancora489 banche pubbliche! Contro le ZERO banche pubbliche italiane. Tutte privatizzate. Capite bene che questo è un enorme vantaggio, per la Germania o qualunque altro Paese che possiede istituti di credito: una parte di quel 84,2% di denaro “bancario” esentasse lo utilizza per finanziare le proprie politiche interne, qualunque esse siano. Ancora oggi la Germania mantiene un sistema bancario pubblico: bravi, o furbi? Studio Bankitalia Banche pubbliche Italia Germania

La risposta di Bankitalia citata, è relativa al 2016. Il denaro creato contabilmente per i finanziamenti è andato negli anni decrescendo con l’imposizione di nuove regole (che accennerò poi), di nuovi limiti. Tutti danno la colpa della “crisi” ai mutui subprime e alle  relative cartolarizzazioni, ma furono solo una “conseguenza”. In questo mondo dove le crisi e le speculazioni sono fraudolente e cicliche (*), facciamo partire la narrazione relativa all’Italia dalla liberalizzazione dei mercati avvenuta alla fine del ’92, quando gli istituti finanziari esteri poterono insediarsi nel nostro Paese, che fu così “vittima” di forti iniezioni di liquidità. Come? Grazie al decreto legislativo che abolì la separazione bancaria creando la “Banca Universale”, il n.481 del 30 dicembre 1992(*), abbattendo progressivamente i controlli che ci proteggevano dai capitali esteri e dalle speculazioni. Decreto che fu firmato dal Presidente Scalfaro (eletto il 25 maggio 1992, il meno quotato fino alla strage di Capaci), dal Premier Amato e dal Ministro del Tesoro Barucci, il “banchiere misterioso” del gruppo. Insieme completarono l’opera cominciata da Guido Carli, firmatario del Trattato di Maastricht e responsabile della privatizzazione del sistema bancario italiano, ultimo motore di crescita del Paese, nonché fondatore della più famosa università neoliberista italiana, la Luiss. Non mi è dato comprendere se ciò che hanno realizzato, servisse o meno a evitare disastri peggiori di quelli che abbiamo sotto i nostri occhi.

Grazie a questi personaggi, i capitali così entrati nel Paese, forti della leva monetaria di un sistema basato sulla leva frazionaria, sono stati usati per finanziare gli acquisti dei gioielli statali che governi quanto meno stolti hanno voluto “privatizzare“, ovvero svendere, Repubblica Privatizzazioni 40mldgià allora sotto ricatto di questo Trattato mai ratificato da alcun Parlamento. Le famose operazioni in Pool: solo Banca d’Italia potrebbe avere un’idea di quante decine, centinaia, di miliardi siano stati creati “de facto” (e in alcuni casi fui proprio io, a creare quei soldi).
I banchieri e manager più furbi (massonerie più o meno celate e portatori di conflitti di interessi, spesso criminali e mafiosi mancati grazie a leggi conniventi) hanno approfittato per ottenere liquidità e finanziamenti per i propri intrallazzi, e anche crimini. La vigilanza non è praticamente mai intervenuta, se non saltuariamente per sanzionare, mentre spesso si intrometteva in scelte non di sua competenza. Perchè? Perchè la vigilanza è (era) in capo a Bankitalia, che seppur dietro a una tinteggiata di “pubblico” resta una SpA, una banca privata, tanto quanto la BCE. E i privati non perseguono altro interesse che il proprio, nonostante formalmente rispettino le regole che grazie alla politica sanno raggirare.

Oltre a garantirsi una benevolenza dalla vigilanza, i proprietari delle maggiori e influenti banche private si intromettono nelle scelte dei singoli istituti di credito tramite il Comitato di Basilea(**), composto dalle banche centrali (tutte private tranne un paio) di 28 dei principali Paesi aderenti alla Bank of International Settlements (BIS = Banca dei Regolamenti): sono lo che negli ultimi decenni hanno deciso le contrazioni degli indici patrimoniali per l’emissione di moneta secondaria. Et voilà, il gioco è fatto. Da una parte i colossi bancari forti di ingentissime liquidità e risorse parteciparono e acquisirono le aziende più importanti (trasporti, telecomunicazioni, energia). Dall’altra limitare i poteri moltiplicatori era una scelta di buon senso: se non cambi le regole del gioco durante la partita però! All’entrata in vigore dei vari recepimenti delle delibere di Basilea, le banche nel frattempo si erano già esposte a medio lungo termine per importi elevatissimi, e molti di questi finanziamenti erano a fondo perduto perché regali ad amici e confratelli. Fu così che le banche non poterono erogare nuova moneta, innescando di conseguenza una progressiva e inesorabile diminuzione delle entrate. Non creando più nuova moneta sotto forma di finanziamenti, quella erogata e già circolante non è stata in breve più sufficiente a ripagare il capitale aumentato dagli interessi, rata dopo rata. Un danno in quota patrimoniale (rimborso in conto capitale, ovvero il “ricavo” occultato e quindi esentasse a cui fa riferimento la risposta di Bankitalia, che serviva a pagare decine di migliaia di impiegati e mantenere strutture e filiali), e in conto economico per gli interessi (utili da distribuire). Un disastro a cui si aggiungono le colpe di governi, o miopi o corrotti, che non pagando i debiti della Pubblica Amministrazione nei tempi dovuti hanno disallineato irreparabilmente i flussi di circolazione della moneta, favorendo (provocando) il fallimento di decine di migliaia di aziende e famiglie, e l’arricchimento patrimoniale di pochi privati. Produzione IndustrialeOggi è in atto una speculazione senza precedenti sui debiti in sofferenza, dove chi ha creato la crisi può scegliere quali aziende “acquisire” e quali eliminare secondo i propri interessi e obiettivi. Le cartolarizzazioni quindi furono la conseguenza nota, non la causa. Conseguenza certamente utile al fine ultimo: trasformare denaro inventato in beni tangibili.

Effetti Collaterali

Per ulteriori dettagli sulle “sofferenze” create a inconsapevoli cittadini, consiglio la visione si questo servizio andato in onda pochi giorni fa su Rai2, forse il primo nel suo genere

Bene, ora sappiate che l’Europa si appresta a imporre ulteriori contrazioni, recependo nuovi limiti che finiranno di strozzinare Nuove regole sofferenzeil sistema socioeconomico italiano, azzerando il frutto della fatica di intere generazioni, che perderanno via via quanto accumulato lavorando e risparmiando, lasciando nell’incertezza più completa la propria prole. Per i giornali, ovviamente, nessun problema.  Si parla persino di congelamento dei conti correnti (per 5 giorni…) in caso di crisi troppo serie, e non mi stupisce: come detto, l’84,2% del denaro circolante in realtà non ha basi reali economiche, e quindi per ristabilire un equilibrio, in qualche modo state tranquilli troveranno il modo di svalutarli: finora han svalutato solo immobili, beni pubblici, LAVORO, WELFARE, industria manifatturiera e grande industria….. D’altronde, se avete seguito le vicende relative alle sofferenze, avrete notato i valori medi di cessione di tali crediti.
Evidente a mio avviso che i grandi gruppi bancari che hanno guidato le riforme di Basilea con la complicità di ministri del Tesoro (che prima e/o dopo son stati banchieri e/o neoliberisti), ne hanno approfittato per tutto il tempo: dal boom degli sportelli degli anni 90 (più banche che panetterie) a oggi: hanno usato quei fondi per comprarsi le azioni necessarie a controllare i principali gruppi bancari del Paese, corrompendo persino gli incorruttibili, accecati dalla folle cultura via via dominante dell’arricchimento facile o comunque quale fine esclusivo per la realizzazione personale. Trasformatasi poi in competizione spietata quando le risorse han via via cominciato e non venire più fornite: non cibo, non terra, aria o qualcosa di prezioso, ma semplice denaro creato da entità semiocculte che ora più che mai possono decidere cosa, come, dove, quando, perchè, produrre o meno un determinato prodotto o servizio… e fare fallire e confluire nei loro gruppi quei centri medi di potere come Banca Etruria, BPVicenza e tante tante altre, arrivando a chiedere la testa anche di BCC e Popolari. Tutto grazie alla sapiente manipolazione e interpretazione delle regole che gestiscono la creazione del denaro, additata per 25 anni come “complottismo” da economisti e giornalisti accreditati, oggi ormai sotto gli occhi di tutti. Persino il famoso Quantitative Easing, di fatto è servito solo a rifornire di liquidità, a spese di tutti, i soli gruppi bancari più grossi facilitandoli nella loro azione.

Quanto descritto non ha scopi “esaustivi”: mancano una infinità di punti chiave interconnessi che aggravano la lettura degli eventi: l’anatocismo, il divorzio Tesoro/Bankit, le truffe dei contratti derivati (con Draghi in testa, prima come dirigente pubblico, poi come banchiere, e poi come capo dei banchieri), quella relativa al tasso Euribor, l’incidenza dei capitali evasi, l’assurda deducibilità delle svalutazioni su crediti (in altre parole, non solo non mettono a ricavo il capitale ottenuto a rimborso della prestazione, ma non pagano le tasse sul mancato guadagno in nero!). Questi 15 minuti di video li trovo interessanti per darvi un ulteriore chiave di lettura 

Vi lascio con un “flashback” e uno spunto ulteriore di riflessione:

ho seguito i soldi, e ho trovato la BIS.

Spero l’impatto visivo della mappa degli aderenti, possa essere utile a spiegare i finti tafferugli e le vere spietate guerre di conquista.

(**) Comitato di Basilea, costituito da 28 Banche Centrali (tra cui Russia e Cina!), decide le politiche monetarie dei singoli Paesi membri. Opera sotto il “patrocinio” della BSI (Bank of International Settlements): la sua “missione“?…è di servire le banche centrali nel perseguimento della stabilità monetaria e finanziaria, di promuovere la cooperazione internazionale in quelle aree e di agire come una banca per le banche centrali

membri BIS

(*) Non è la prima volta che viene abolita la separazione bancaria e successivamente ai relativi disastri, ripristinata. Anche in America: la somma del denaro così creato negli anni 90 si riversò sui mercati modificandone per sempre la struttura e trasformandoli di fatto in mercati privati di oligopolio, dove pochi soggetti possono determinare il valore e la tipologia di economia reale

 

Annunci

09/06/2018 Posted by | Economia, Mafie, Uncategorized | , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Sovranità, Costituzione, Libero Mercato: cosa c’entrano con TISA / TTIP? NIENTE!

Nel marzo 2013, il Parlamento Europeo conferisce mandato alla Commissione Europea per l’Agricoltura, al fine di negoziare l’accordo multilaterale sugli scambi di servizi, il TISA, per conto del Parlamento Europeo stesso.
Per l’Italia è Mario Catania (allora Ministro dell’Agricoltura italiana nel discusso quanto devastante governo di Mario Monti, da sempre al servizio dell’alta finanza) a dare il via libera al TISA (durante una seduta della commissione il cui Ordine del Giorno trattava prima di riforma dell’agricoltura, poi pesce e embargo russo della patata, e solo tra gli “other items approved” – varie ed eventuali – il Trattato in questione). Un mese dopo l’uomo della Trilaterale che detronizzò a colpi di rating e spread un (pessimo) Presidente del Consiglio “eletto”, lasciò la mano a #Letta, sua fotocopia che si trascina fino ai giorni nostri.

Oggi il vaso di Pandora è stato parzialmente scoperchiato: difatti il 19/6/2014 Assange tramite WikiLeaks diffonde uno stralcio del testo segreto oggetto della trattativa, che riguarderebbe il 70% del mercato dei servizi mondiali. Il condizionale è d’obbligo appurato che i testi sono segreti e non se ne è mai data alcuna rilevanza mediatica. A sua volta il TISA nascerebbe dal GATS: un altro trattato, sottoscritto nel 1995 dal Presidente Scalfaro su autorizzazione parlamentare, sotto il Governo Berlusconi e con Antonio Martino agli Affari Esteri (P2-ista figlio “d’arte nobile” nonché figlio dell’ex ministro Gaetano, promotore dell’Unione Europea), dopo una serie di trattazioni e accordi chiamati Uruguay Round, con relativa e contestuale creazione del WTO (World Trade Organisation). Accordi sempre ratificati in qualche modo dallo Stato italiano senza approfondimenti, contraddittori e diffusione sui media pubblici. Lo stesso sito della UE non scende in alcun dettaglio operativo, giustificandone la segretezza con le complesse trattative tra gli stati partecipanti e evitando abilmente risposte dirette e chiare, tergiversando in politichese ormai noto.
Soffermiamoci un attimo sul GATS: è oltremodo interessante lo scenario in cui questa firma è avvenuta, che delinea analogie raccapriccianti con molteplici altri casi per una Democrazia:
– il Trattato di Maastricht fu firmato il 7 febbraio 1992, con Cossiga Presidente della Repubblica. La X Legislatura era però scaduta il 2 febbraio: il Governo Andreotti VII, vicepresidente Martelli e De Michelis agli esteri, e Cossiga Presidente della Repubblica lo firmarono comunque: da notare che il 17 febbraio 1992 venne arrestato Mario Chiesa… cominciò “Mani Pulite”. Trattato che divenne poi legge il 3 novembre 1992, n.454, sotto un Governo Amato e il nuovo Presidente Oscar Luigi Scalfaro, chiudendo la Prima Repubblica. Un trattato che pochissimi conoscono, che la stessa UE e/o Governo Italiano non mettono a disposizione dei “curiosi” in lingua italiana, ma solo in inglese

http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:legge:1992-11-03;454@originale

Questi accordi sono palesemente contro i principi della Carta Costituzionale. Carta che i nostri politici, vorrebbero cambiare a loro favore con una maggioranza rubata e (parzialmente) incostituzionale.
Il MoVimento 5 Stelle intervenne nel merito con una interrogazione, che volutamente non si addentrò nei vari codici di diritto, interpretazioni e consuetudini, per ribadire l’importanza e la bellezza della nostra stessa Carta Costituzionale, che politici nominati e non eletti stanno straziando da decenni, con azioni e atti al limite dell’illegale, sicuramente già ora oltre una sana etica. Costituzione oggi sotto pesante attacco da parte di un “non eletto” dittatorello che a colpi di decreti, fiducie e ricatti, sta svendendo la poca Sovranità rimasta del nostro Paese

Non esiste un mercato libero, se non c’è libero scambio di informazioni: il TISA (come il TTIP e similari) è un accordo segreto per i 5 anni successivi alla sua firma finale. Firma che verrà posta da persone fisiche, in carne ed ossa, palesemente legate a lobbies e massonerie di ogni tipo, amministratori e consiglieri di centinaia di realtà “produttive” diverse, se non direttamente banchieri: e il singolo ignaro cittadino contribuente e (una volta) risparmiatore, continua a pagare, sempre più spesso con la salute se non con la vita. Accordi internazionali che hanno valenza giuridica, al contrario di quelli sottoscritti come Comunità Europea.

Interrogazione TISA M5S

18/02/2015 Posted by | Economia, Uncategorized | , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

BCE e Economia for Dummies: ovvero come i CDA di banche private governino l’Europa.

Con qualche mese di ritardo, pubblico un pezzo scritto a settembre 2014… era rimasto lì in attesa di sviluppi, poi dimenticato, superato da altre tali assurdità… Al peggio non c’è mai fine, sembra. Buona lettura, e fate mente locale al gran successo della successiva supermagnificientifica operazione di Quantitative Easing dell’onnipresente governatore d’Europa Draghi…

<<Un ONOREVOLE del PD, ha chiesto al Ministero dell’Economia e delle Finanze, in tema di nuove Cartolarizzazioni:
– quale sia il giudizio sull’approccio della BCE imperniato sull’acquisto di strumenti cartolarizzati per favorire l’accesso al credito;
– quali siano al riguardo le eventuali necessità di intervento sulla legislazione comunitaria e nazionale;
– quale sia il possibile impatto indesiderato sulla domanda dei titoli pubblici e come eventualmente contrastarlo.

Al di là dei tre quesiti che sembrano tanto concordati quanto imbarazzanti, quella che si è svelata davvero sorprendente è stata la risposta per iscritto del MEF (Ministero Economia e Finanze), della quale riportiamo alcuni stralci (qui testo originale)

“Il Consiglio direttivo della BCE ha desiso di procedere all’acquisto di un ampio portafoglio di titoli, semplici e trasparenti”(*), emessi a seguito della cartolarizzazione di crediti verso il settore privato non finanziario dell’area dell’euro nell’ambito di un programma di acquisto di attività cartolarizzate (ABS)”

“Il programma di acquisto di titoli ABS … unitamente alle operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (TLTRO) decise in giugno, contribuiranno anche a migliorare il funzionamento del meccanismo di trasmissione della politica monetaria”

“Il programma di acquisto di titoli ABS da parte della BCE mira a sostituire nell’attivo dei bilanci delle banche prestiti alle famiglie e alle imprese con riserve di Banca centrale, incoraggiando, tramite questo canale, l’erogazione di nuovi finanziamenti all’economia”

In “riferimento alla diminuzione degli investimenti”, il MEF “fa presente che essa non è determinata in maniera esclusiva o addirittura prevalente dalle difficoltà di accesso al credito, ma vi sono altri importanti fattori…”. Tra questi indica “ad esempio l’incertezza macro-economica e la scarsa profittabilità attesa degli investimenti, nonché l’esistenza rigidità strutturali che minano il buon funzionamento del mercato”

“Gli sforzi per facilitare l’accesso al credito sono … componente necessaria, ma non sufficiente per contribuire al rilancio degli investimenti … Sotto questa prospettiva va inquadrato il giudizio sugli strumenti che la BCE intende utilizzare nei prossimi mesi al fine di contrastare la difficoltà di accesso al credito attraverso la circolazione di strumenti finanziari che permettono di smobilizzare crediti e liberare risorse per nuovi investimenti”.

“Tale giudizio è …comunque sicuramente positivo perchè, a seguito della crisi finanziaria globale, il sistema bancario ha avviato un doloroso processo di riduzione degli attivi (deleveraging) per far fronte alla necessità di coprire adeguatamente i rischi in cui incorre ed evitare che nel futuro si abbiano a ripetere crisi come quella sperimentata in cui, in molti paesi, il denaro dei contribuenti è stato necessario per impedire il collasso del sistema bancario e finanziario…”

Cercando di tradurre in parole comprensibili il politichese economico, partendo dal fondo, si può semplificare a mio avviso come segue:

Dopo la crisi finanziaria globale (ovviamente ancora in corso) causata dagli Enti finanziari privati (che hanno sopravvalutato i propri bilanci ricorrendo a gonfiare i propri attivi comprando strumenti finanziari assurdi, rischiosi, incontrollati, con un alto rendimento ma privi o quasi di valore in termine di capitale – in altra parola “derivati”) e averne quindi distribuito gli utili (bonus, dividendi, premi e quant’altro) a favore prevalentemente di una classe dirigente tanto avida quanto incompetente, con il terrore scatenato dai media questi Enti finanziari hanno ottenuto il ripianamento dei loro debiti a spese della collettività, ricevendo nuovo denaro creato a nostro debito. Già è abbastanza assurdo che, oltre alle perdite dei risparmi di piccoli/medi investitori, gli utili azionari, gli stipendi e bonus e buonuscite manageriali del settore creditizio siano alla fine addebitate al pubblico (per le banche che hanno ricevuto stanziamenti), ora aggiungiamo anche i TLTRO (finanziamenti della BCE garantiti) a tassi irrisori, e gli ABS, ovvero l’impacchettamento (cartolarizzazione) e acquisto dei crediti delle aziende e dei privati non finanziari che hanno difficoltà a incassare e quindi carenza di liquidità.
A cosa servono? Sicuramente a fare guadagnare gli istituti di credito/finanziari. Dietro lo spauracchio del fallimento del sistema economico (anche se non si capisce da quando e come, tale sistema sia passato a essere privato e bancario coi soldi pubblici), le stesse hanno ricevuto sotto svariate forme montagne di denaro addebitate al pubblico, e, appunto come dice il MEF stesso, utilizzate per ridurre i rischi di bilancio dovuti ai titoli e strumenti che le banche hanno comprato e sui quali hanno lucrato, salvo ora piangere miseria dopo essersi intascate (e distribuito imediatamente, in barba a ogni principio prudenziale di buon senso) fiumi di denaro. Ricapitolando, dopo la crisi creata dal sistema finanziario, i costi sono stati ribaltati sul debito pubblico mentre i ricavi a menager e investitori privati. Ora, non soddisfatti, in nome di una mancanza di liquidità sostenuta solo dai media e dai governi ormai intrecciati col potere finanziario, partendo da quello Prodi fino a giungere ai ridicoli giorni nostri con la tripletta Monti/Letta/Renzi, le banche dicono che per poter erogare fondi all’economia privata in difficoltà serve nuova creazione di denaro. Cosa c’è di meglio, quindi, del prendere tutti i crediti delle ormai poche aziende private, metterli in una scatola, farsi dare garanzie reali in cambio di un bel tasso di interesse, e venderli alla BCE? Un vero affare, visto che i debiti dei privati sono in maggior parte nei confronti delle banche stesse, che così vedono rientrare i loro prestiti, aumentando quindi le disponibilità liquide. Tutto questo fiume di soldi arriverà sottoforma di nuove erogazioni per la nostra economia? Ne dubita fortemente lo stesso MEF, che parla di “incoraggiamento a” erogare credito, specificando però che non è la mancanza di liquidità a rendere difficili le erogazioni, ma lo scarso rendimento di tali investimenti!
Giustamente, le grandi e medie imprese che fiorivano nel nostro Paese, sono state di fatto già spolpate dal sistema finanziario, ed è inutile la rincorsa a rifinanziare le medio/piccole rimaste, essendo già così destinate presto a soccombere e venire assimilate dalla finanza a prezzi molto più vantaggiosi.

(*) traduzione: quelli con più basso grado di rischio insolvenza>>

…ovviamente si tratta di uno stralcio di “analisi” su uno stralcio degli effetti che il vero problema causa (autodeterminazione e coscienza dei cittadini, sovrani a loro insaputa!)

17/02/2015 Posted by | Casta, Economia, Politica | , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento