Schumyno

Cittadino libero e in movimento

Amianto via Larga, la parodia “amministrativa” perpetua…

Se l’Assessore Castellano avesse evitato di farsi pubblicità rilasciando dichiarazioni poco felici, forse non ci saremmo sentiti in dovere di rispondere per le rime. Alle parole, si risponde con i fatti.

Le immagini sono eloquenti: la storia raccontata più volte.

La salute dei cittadini, corrisponde al loro “benessere”, ovviamente. Noi ce lo ricordiamo, e se l’assessore ritiene che questo sia “vecchia politica”, faccia come meglio crede. Noi continuiamo a fare quel che pensiamo, e non a dire quel che non facciamo.

Dietro a quel “noi”, non ci sono sigle… ci sono persone, che si sono messe in discussione, rischiando in prima persona ognuno il suo, perché hanno deciso di non delegare più al prossimo quello che possono fare loro…

…far valere i propri diritti.

09/06/2012 Posted by | amianto, salute | , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

La mafia A Milano ESISTE

“L’obiettivo di questa conferenza è uno: che il Comune diventi sempre più un catalizzatore di partecipazione di cittadinanza attiva”.

Nelle parole di Mattia Calise è racchiuso il senso, l’unico scopo, della serata organizzata da Pierpaolo Farina, blogger di “Qualsosa di Sinistra”  in cooperazione con il MoVimento 5 Stelle Milano, nella sala Alessi di Palazzo Marino: nel cuore della città. E’ qui, nelle Istituzioni, che si annida il rischio, sempre più spesso comprovato, di collusioni e infiltrazioni della malavita organizzata. Non siamo ingenui, e non siamo ipocriti: tutti conosciamo i risvolti oscuri di certe indagini, molte tutt’ora aperte, molte altre chiuse quasi in via definitiva, che riguardano eccellenti collaborazioni ad “altissimi livelli” tra politica e malaffare, quindi l’unico modo per impedire che le collusioni si ripetano, è coinvolgere l’opinione pubblica, portandola nei “palazzi di potere”.
La mafia A Milano Esiste. Da molti anni. Le testimonianze raccontate dai nostri ospiti parlano di un sistema radicato, integrato, non più di una semplice infiltrazione. Raccontano storie di violenza, di donne sciolte nell’acido, di alta finanza, di infiltrazioni negli appalti pubblici in maniera costante e contravvenendo a leggi esistenti che nessuno però applica. Narrano di reti di locali pubblici, persino di paninari notturni, in mano a malavitosi che li usano per riciclare denaro e spacciare droghe, del movimento terra appannaggio della ‘ndrangheta, quella terra che poi finisce magari nei cantieri come a Santa Giulia. Un racconto agghiacciante, le nostre vite immerse in questo sistema colluso che mira all’impoverimento del nostro benessere e della nostra dignità, che è un punto di partenza per sviluppare sani anticorpi verso questo male in apparenza incurabile, per aumentare la partecipazione dei cittadini nelle sedi istituzionali al fine di monitorare e debellare il problema.
Loro non molleranno mai (ma gli conviene?)… noi neppure
Un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno reso possibile questo evento, dal personale del Comune a Pierpaolo, da Mattia ai nostri ragazzi che hanno attrezzato e seguito la serata, ai nostri straordinari relatori che ci hanno regalato la loro conoscenza ed esperienza. Un grazie a Antonella Mascali, “moderatrice” e giornalista del Fatto Quotidiano, a Biagio Simonetta, giornalista calabrese e autore di “Faide – L’impero della ‘ndrangheta”.
Non aggiungiamo altro sulla serata: il tema è “partecipazione di cittadinanza attiva”. Questa sera collegate il Pc al televisore, e guardate le registrazioni con la famiglia. E’ più interessante di un film: qui parliamo di quello che accade attorno a voi, di chi potrebbero essere i compagni di gioco dei vostri figli e del vostro futuro…

Parte 1 – Benvenuto e apertura di Mattia Calise e Biagio Simonetta

Parte 2 – Pino Masciari

Parte 3 – Ivan Cicconi

Parte 4 – Giulio Cavalli

Parte 5 – Francesco Greco

Parte 6 – Nando Dalla Chiesa

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/milano/2011/11/la-mafia-a-milano-esiste.html

02/11/2011 Posted by | Uncategorized | , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Milano e le sue bonifiche

In una città con strade ormai deserte, ma dai centri commerciali affollati, i problemi che riguardano la salute dei cittadini rimangono tali, come indifferenti a questa pazza estate, come d’altronde da sempre. Anzi è soprattutto in questo periodo, dove la ridotta presenza di cittadini nei luoghi più disparati, che chi ha qualcosa di poco “conveniente” da fare ne approfitta: tutti conosciamo casi di furti in appartamenti vuoti, sgomberi di varia natura, leggi ad personam… bonifiche…

Siccome il MoVimento 5 Stelle è composto da molti semplici cittadini, molti di coloro che credono in questo progetto sono rimasti in città (chi per scelta “consigliata”, chi per “esigenza”) a portare avanti questo progetto di buon senso, che comprende anche l’eliminazione dei rischi collegati a ciò che la nostra evoluzione “industrial-economica” ha generato. Mentre il Consiglio Comunale, anticipando addirittura il chiacchierato Parlamento, ha chiuso i battenti fino al 6 settembre, giorno per cui è fissato l’incontro della prima commissione (il 12 settembre la prima seduta del Consiglio), i lavori di bonifica di via Feltrinelli 16, le così chiamate White (che seguiamo da tempo, con Elena Ferrarese, che ha vissuto lì e continua a lottare per i diritti alla salute), sono cominciati e procedono, guarda caso, spediti. Ma se di “bonifica” si può parlare, lo scopriremo solo quando ci consegneranno gli atti che riguardano gli appalti. Al momento sappiamo solo che nel ’98 la ASL dichiarò che i pannelli delle White (3.500Kg) contenevano il 7% di asbesto, che nel 2008 (guarda caso l’8 agosto, lavorano sempre questi politici…) il comune dichiarava avrebbe adottato “tutte le misure per la messa in sicurezza il quartiere“, oltre a stimare una spesa di 15 milioni di euro. Oggi scopriamo che l’importo dei lavori è inferiore ai 7 milioni, e che i lavori vengono eseguiti come mostrato nel nostro allegato video.
Non vogliamo muovere accuse: analizzeremo i documenti che otterremo (se e quando ce li daranno) e vedremo se è tutto regolare. Quello che vogliamo è sapere se ritenete corretto un simile sistema di “bonifica”, o se credete che ci vogliano maggiori cautele.
Vi invitiamo a continuare a segnalarci/mappare gli edifici o zone dove credete occorra un qualche tipo di intervento a garanzia della salute di tutti noi.
Loro non molleranno mai (ma gli conviene?)… noi neppure
post aggiunto 03/11/11

09/08/2011 Posted by | Uncategorized | , , , , , , , , , | Lascia un commento