Schumyno

Cittadino libero e in movimento

Allarme diossina – inceneritori Forlì

Dopo l’allarme dato a livello regionale con il servizio del tg3 qui sopra, parte integrante di un post precedente, cosa è successo? Quali sono le azioni intraprese per verificare e risolvere l’anomalia, fare rientrare l’allarme sanitario? Medici, dottori, ricercatori, donano volontariamente il loro tempo per proteggere il diritto alla salute di ogni essere vivente, coadiuvando le attività svolte dagli enti proposti a tali fini (ma oberati da una pessima legislazione e una superficiale “dirigenza”), rinunciando a molte di quelle “comodità” che tutti conosciamo bene: tornare casa dopo una giornata di lavoro fatta di 7/9 ore, mangiare, e sbatterci sul divano a trangugiare falsi stereotipi televisivi. E’ così che poi gli enti preposti alla tutela dell’ambiente e della salute riescono a evitare scomode conseguenze: qualcuno lancia l’allarme, e gli enti “rassicurano”… “è tutto a posto, tutto sotto controllo, ma grazie, verificheremo comunque” …come già facevano prima… (come in tanti altri casi, vedi il terremoto di L’Aquila, o Fukushima…). Poi, basta: nessun altro ne parla. Ufficialmente. Le televisioni tacciono rassicurate da quegli enti che sprizzano moralità da ogni poro, seppur con tutte le poltrone di comando distribuite politicamente. I giornali, seguono a ruota…

E allora l’informazione la facciamo noi.

Qui di seguito copio e incollo il comunicato stampa Arpa-Ausl di Forlì, emesso dopo i fatti in questione. E siccome son simpatico, subito dopo il comunicato Arpa-Ausl, copio e incollo il comunicato stampa ISDE in risposta. Leggete e fatevi un’idea… si parla solo delle nostre vite, in fondo: in premio a una lotta di comunicati e carte bollate, quando ci vorrebbe solo il buon senso.

—————————————————————————————————————————————————

COMUNICATO STAMPA/NOTIZIE

 Agli organi d’informazione

 Prot. N.073 MD/2011 Forlì, 22/04/2011

  COMUNICATO STAMPA ARPA-AUSL FORLI’

Arpa e Ausl Forlì: i livelli di diossina analizzati nell’ambiente e negli alimenti forlivesi – sia con le attività istituzionali sia tramite i progetti specifici come Moniter – rientrano ampiamente all’interno dei limiti normativi previsti. Si conferma l’impegno per ulteriori approfondimenti a tutela dell’ambiente e della salute.

L’indagine condotta da ISDE per la ricerca di diossine in matrici alimentari (polli, uova, latte materno) in zone del territorio forlivese collocate in prossimità degli inceneritori ha destato comprensibilmente l’attenzione e la preoccupazione dei media e dell’opinione pubblica.

Arpa a Ausl di Forlì ritengono indispensabile sintetizzare le conoscenze prodotte nell’ambito delle rispettive attività, peraltro già pubbliche,e condividere alcune riflessioni in merito.

La problematica diossina, in ambito scientifico ben dibattuta, è all’attenzione da tempo delle istituzioni che si occupano di ambiente e salute. E’ infatti dal territorio forlivese che è partito il primo studio regionale di sorveglianza dello stato di salute della popolazione esposta ad inceneritori, evolutosi poi nello studio regionale Moniter: già in questo primo studio sono stati analizzati campioni di terreno prelevati nei punti di minima e massima ricaduta i cui valori, per quanto riguarda diossine e sostanze simili, sono risultati analoghi a quelli riscontrati in terreni di aree rurali in diversi paesi europei.

L’attività di controllo sui fumi al camino dell’inceneritore di rifiuti urbani, regolarmente svolta da Arpa di Forlì-Cesena secondo le prescrizioni dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), non ha evidenziato, per quanto riguarda diossine e furani, superamenti dei limiti previsti in autorizzazione (più bassi di quelli stabiliti dalle normative vigenti). In particolare i controlli hanno evidenziato valori compresi fra 0,002 e 0,003 nanogrammi al metro cubo (circa quaranta volte sotto il limite di legge). Analogamente per l’inceneritore per rifiuti sanitari di Mengozzi, non si evidenziano superamenti dei limiti autorizzati a camino; nel 2010 il dato relativo alle diossine è di 0,0023 nanogrammi al metro cubo (ancora circa quaranta volte meno del limite di legge). Sulla base dell’autorizzazione all’esercizio dei due inceneritori, Arpa svolge anche il monitoraggio della qualità dell’aria nel punto di massima ricaduta al suolo. I valori di diossine riscontrati in queste analisi sono dello stesso ordine di grandezza di quelli rilevati dalla stessa Arpa in altre aree del territorio forlivese, non prossime agli inceneritori.

Il progetto Moniter ha confermato, attraverso le analisi delle emissioni, come le modifiche impiantistiche che hanno interessato negli ultimi anni gli inceneritori di rifiuti urbani abbiano ridotto enormemente le emissioni di diossine e furani nell’ambiente. Data la persistenza nell’ambiente di queste sostanze, la loro eventuale presenza nel terreno e quindi nella catena alimentare va quindi ricondotta a inceneritori nelle configurazioni impiantistiche del passato oppure ad altre sorgenti.

Per quanto riguarda l’esposizione per via alimentare, il controllo di residui di diossine e PCB è garantito nell’ambito del “Piano nazionale residui” che monitora, per la tutela del consumatore, la presenza degli inquinanti ambientali nelle produzioni animali; gli allevamenti su ampia scala sono peraltro controllati anche sotto il profilo dell’alimentazione animale.

Da anni la Regione Emilia-Romagna integra il Piano nazionale con un Piano regionale finalizzato al controllo dei residui nelle produzioni tipiche regionali. Dal 2007 particolare attenzione è stata posta a diossine e PCB (policlorobifenili) e altri microinquinanti organici persistenti. I campioni analizzati riguardano prodotti alimentari presenti in commercio ma anche campioni di alimenti destinati all’autoconsumo, analizzando uova e carni provenienti da piccoli allevamenti rurali. Complessivamente, nel biennio 2009-2010, nel forlivese, sono stati analizzati 24 campioni di varie matrici (uova, carne di pollame, carne bovina e suina, latte bovino e olio). Tutti gli esiti analitici sono stati negativi eccetto un campione di uova destinato all’autoconsumo prodotto in un allevamento familiare poi riconosciuto come non correttamente gestito. Il Piano 2011 ha incrementato i campioni in allevamenti rurali: ad oggi sono disponibili i risultati di 8 analisi, tutte negative, e riguardanti campioni prelevati a una distanza variabile da 3 a 8 km dagli inceneritori di Forlì.

 Il monitoraggio ambientale e la sorveglianza della salute restano un impegno costante delle Istituzioni che raccolgono e valutano anche sollecitazioni, come quella dell’indagine ISDE, che – pure nella limitatezza del numero dei campioni raccolti – suggerisce spunti per ulteriori approfondimenti.

 Arpa e Ausl di Forlì

————————————————————————————————————————————————–

————————————————————————————————————————————————–

COMUNICATO STAMPA – ISDE

In relazione al comunicato congiunto AUSL ed ARPA ieri diffuso circa la ricerca di diossine in alimenti promossa dall’ISDE, apprezziamo innanzi tutto che la pur limitata indagine da noi condotta sia stata considerata uno stimolo per ulteriori approfondimenti, come viene affermato nelle conclusioni del comunicato stesso.

Non abbiamo mai pensato di sostituirci alle Istituzioni preposte alla tutela della salute umana e dell’ambiente: con la nostra indagine abbiamo voluto piuttosto  sollecitare l’estensione della ricerca delle diossine alle  matrici biologiche (accumulatori per eccellenza di tali sostanze) esposte alla ricaduta delle emissioni  di impianti che ne sono una sorgente indiscutibile, ovvero i due inceneritori di Forlì in funzione da circa 40 anni.

Ricordiamo che l’area circostante i due impianti – per un raggio di 3,5 km – è stata oggetto di uno studio epidemiologico condotto per esposizione a metalli pesanti (presi come marker delle emissioni degli inceneritori)  da cui sono emersi  rilevanti rischi per la salute umana  crescenti con i livelli di esposizione stimati sulla base di un modello di ricaduta.

Non va dimenticato che fu  proprio sulla base di questi risultati che la Federazione Regionale degli Ordini dei Medici dell’Emilia Romagna nel 2007 chiese una moratoria su nuovi insediamenti o  ampliamenti di inceneritori e che la Regione Emilia Romagna dette avvio allo studio Moniter.

Sicuramente – come affermato nel comunicato di ARPA ed AUSL – la presenza di contaminanti persistenti e pericolosi quali le diossine, è da far risalire ad emissioni che si sono accumulate nel tempo in un territorio in cui gli inceneritori ne hanno rappresentato una fonte indiscutibile: non risultano infatti presenti altri insediamenti industriali di particolare rilievo  per quanto riguarda le emissioni di tali sostanze.

I risultati da noi ottenuti, pur essendo certamente limitati, sono a nostro avviso indicativi  in quanto coerenti con il modello di ricaduta delle emissioni utilizzato per lo studio epidemiologico più sopra citato. Essi  sembrerebbero  rendere ragione della prescrizione a suo tempo data dal Dipartimento di Prevenzione dell’ AUSL di Forlì  nel corso della   procedura autorizzativa per il raddoppio dell’inceneritore di rifiuti urbani: l’ampliamento da 60.000 a 120.000 tonnellate poteva avere luogo se il flusso di massa degli inquinanti emessi fosse rimasto invariato, dal momento che il territorio risultava già sottoposto a pesante contaminazione ambientale e non poteva quindi sopportare ulteriori aggravi.

Non venendo garantito il rispetto di questa prescrizione, essa fu superata con l’innalzamento del camino e l’aumento della velocità di espulsione dei fumi al fine di diminuire le concentrazioni degli inquinanti al suolo. Non ci sembra che un simile  accorgimento possa essere considerato adeguato per  la tutela della salute, specie se ci troviamo all’interno della Pianura Padana ( uno dei territori più inquinati del Pianeta, ma anche a spiccata vocazione agricola) in cui il ristagno dell’aria è costante; è ovvio che così facendo ci si  limita  a distribuire le sostanze tossiche su una superficie più ampia e si aumenta il numero dei soggetti esposti a contaminazione alimentare.

Se il territorio circostante gli impianti è veramente contaminato da diossine in misura tale da compromettere la sicurezza di prodotti alimentare locali – come suggeriscono i risultati delle nostre analisi – come è ammissibile che si possano ritenere ininfluenti le ulteriori emissioni che provengono da impianti evitabili quali gli inceneritori?

  Venendo poi alle rassicurazioni fornite, saremmo più tranquilli se  AUSL ed ARPA fornissero esaurienti risposte ai seguenti quesiti:

 1)      Quanti dei  24 campioni analizzati nel biennio 2009-2011 riguardavano animali allevati all’aperto e alimentati con mangimi di provenienza locale?

2)      Fra questi ultimi, quanti erano allevati entro l’area di 3,5 km di raggio intorno agli inceneritori di Forlì  e come erano collocati rispetto alla mappa di dispersione utilizzata nello studio epidemiologico sopra citato?

3)      Le 8 analisi effettuate nel 2011 sono esaustive di tutti i controlli eseguiti nel corso di questo anno?

4)      Visto che si afferma che i prelievi sono stati effettuati fra 3 ed 8 km dagli impianti, quanti sono e come sono georeferenziati rispetto alla mappa di ricaduta quelli compresi fra i 3 ed i 3,5 km? Anche le nostre uova a 3,8 km, direzione sud-sud est, sono risultate nei limiti di legge!

5)      Sono stati previsti campioni a distanza più ravvicinata rispetto  agli inceneritori e soprattutto collocati nel livello di massima esposizione individuato secondo la mappa di ricaduta utilizzata nello studio di cui sopra?

 Inoltre, per quanto riguarda tanto  le analisi a camino quanto quelle nel punto di massima ricaduta al suolo effettuate da ARPA, vorremmo sapere quale è la strumentazione utilizzata e con quale accreditamento,  dal momento che ricordiamo le dichiarazioni pubblicate sulla stampa dell’allora direttore dell’ARPA di Forlì , Dott. Franco Scarponi, che molto candidamente ammetteva che ARPA non era in grado di effettuare analisi per le diossine.

Cosa è  cambiato rispetto ad allora?

 Vorremmo infine richiamare che il Servizio Sanitario Nazionale  ha fra le proprie  finalità, come  risulta dall’art.2 della sua legge istitutiva:“… la prevenzione delle malattie e degli infortuni in ogni ambito di vita e di lavoro; ….la promozione e la salvaguardia della salubrità e dell’igiene dell’ambiente naturale di vita e di lavoro”.

Pertanto la “sorveglianza della salute” rappresenta   solo una parte del mandato istituzionale dell’ AUSL e  dovrebbe essere esercitata nell’ottica della prevenzione delle malattie,  in primo luogo con la Prevenzione Primaria, ovvero con  la riduzione dell’esposizione delle persone agli agenti nocivi, specie se provenienti da attività concretamente evitabili come l’incenerimento dei rifiuti.

Auspichiamo  che dalle indicazioni emerse anche grazie alle nostre indagini, prenda  avvio  un approfondimento ancora più puntuale circa la presenza di contaminanti nelle matrici biologiche, incluso il latte materno –  indicatore ideale dell’ inquinamento  – e degli effetti che tutto questo comporta sulla salute in particolare dell’infanzia.

Riteniamo  indifferibile l’esigenza di passare dalla parole ai fatti riducendo l’esposizione della  nostra popolazione ad inquinanti pericolosi e persistenti, provenienti da impianti del tutto superflui come gli inceneritori.

 ISDE Forlì

Forlì 23 Aprile 2011

Annunci

24/04/2011 Posted by | behdiritti, behinceneritori, behsalute | , , , , , , | 2 commenti

Provincia Milano blocca gli inceneritori?

Paul Connet – Rozzano 25/05/10 – Una soluzione sostenibile per la Gestione dei Rifiuti

(presentazione powerpoint)

Quello qui sopra è il risultato di ricerche, condivisioni, studi. Persone che si sono messe d’impegno, nel ricercare i “numeri” che scientificamente potessero spiegare quello che oggigiorno ci rendiamo conto non funzionare più: lo stile di vita. In seguito alle battaglie di un’infinità di comitati e movimenti, tra cui il MoVimento 5 Stelle, e il passaggio rapido delle informazioni in un tam tam della rete continuo, sembra che i primi effetti positivi si facciano sentire. I “potenti” abituati a non sentire le nostre lamentele, si stanno rendendo conto che le nostre voci si stanno alzando sempre più, e che coloro che cominciavano a perdere la speranza in una politica che li rappresentasse, stanno scoprendo una nuova corrente, politica, certo, ma fatta di cittadini come loro, aperta e trasparente, dove si dice chiaramente quali sono gli obiettivi, i programmi che si intendono realizzare. A qualsiasi costo. Perché in ballo c’è la nostra sopravvivenza, la nostra qualità della vita, il vivere in salute il tempo che ci è dato avere.

Questa premessa a introdurvi il documento qui sotto in allegato: una delibera della provincia di Milano, che di fatto blocca ogni ampliamento e/o costruzione di inceneritori. Non indicano in alcun modo i “termovalorizzatori” come responsabili di morte e inquinamento, ma allacciandosi alla crisi economica e alla contrazione dei consumi, unitamente a una maggiore attenzione al riciclo degli scarti, ritengono di dover prima rivedere il piano rifiuti regionale.

Belle parole, la direzione è quella giusta anche se ancora non si ammette l’evidenza dei fatti: gli inceneritori mandano in fumo un sacco di vite e risorse. Prendo atto del gesto comunque positivo. Ma non sufficiente: non abbasseremo la guardia. Faremo smantellare persino la maggior parte di quelli esistenti, fino alla loro definitiva scomparsa, rimpiazzati da un sistema semplice, logico, che avete nella presentazione in testa.

Le generazioni futuro gridano “aiuto”: non facciamo i finti sordi.

Delibera Consiglio Provinciale Milano 12/2011 del 14/04/2011

23/04/2011 Posted by | behinceneritori, behmilano, behsalute, Uncategorized | , , , , , , | Lascia un commento

Inceneritori o termovalorizzatori?

Siamo seri, per carità. I termovalorizzatori non esistono, parlando di rifiuti. Esistono calcoli, studi, documenti, che attestano che bruciando un rifiuto, in realtà abbiamo consumato più energia di quanta ne ricaviamo dalla combustione, contando gli innumerevoli processi di lavorazione dei singoli “prodotti” immessi nei forni. Quindi, per quale motivo dobbiamo incenerire ciò che costruiamo con tanta fatica?

E’ tempo di mettere da parte la falsa politica di parole fini solo al proprio portafoglio e narcisismo, e cominciare a capire che il futuro è fatto di ricerca: di nuovi materiali da poter riutilizzare, mentre ci impegniamo a dividere gli “scarti di lavorazione” che oggi chiamiamo rifiuti, ma che sono già in quasi tutti i casi, nuova “materia prima”  per nuove lavorazioni e nuovi prodotti, senza distruggere (trasformare) nulla. Sì perchè a incenerire, nulla si distrugge, tutto si trasforma.

Per ogni tonnellata di rifiuti, ci vuole un’altra tonnellata di materiali (acqua e calce, bicarbonato, etc…) per favorirne la combustione.

Per ogni tonnellata di rifiuti, restano 300Kg di ceneri, considerate tra i rifiuti più tossici in circolazione, da destinare a “discariche speciali” (o magari nella rotonda sotto casa vostra).

Mancano 1.700kg all’appello. Su una tonnellata, restano comunque rifiuti per il 30% del totale, quando ci sono comuni che hanno superato l’80%… risparmiando sulla tassa rifiuti, creando lavoro, senza bruciare 2 tonnellate di “materia” e quindi guadagnando in qualità di vita

Tutto si trasforma. La maggior parte dei 1.700Kg diventa vapore acqueo. Il resto?

Lo avete visto nel video

Lo mangiamo. Lo respiriamo.

Una soluzione c’è: 5R

– Riciclo

– Recupero

– Riduzione

– Riutilizzo

– RICERCA

Un ringraziamento ai medici ISDE e alla D.ssa Gentilini per il lavoro che svolgono con sacrificio e umiltà

Links correlati al video

IL CORRIERE DEL 20 APRILE

IL RESTO DEL CARLINO 20 APRILE

LA VOCE DEL 20 APRILE

22/04/2011 Posted by | behinceneritori, behsalute, Uncategorized | , , , , , , , | 1 commento

Amianto – Asbesto – Ethernit

Questo insieme di minerali è pericoloso. Notizie relative alla sua nocività risalgono agli inizi del secolo, anche se la prima causa legale in cui venne ufficializzato risale agli anni ’30.
Oggi, un secolo dopo, abbiamo ancora città e campagne infestate da questo materiale: è scandaloso e criminale, soprattutto alla luce delle ultime scoperte, che vedono sempre più mali incurabili collegati ad esso.

Molti, troppi, sottovalutano il rischio a cui si va incontro, nel non riconoscerne l’elevata dannosità. Molti dicono che le probabilità di venire in contatto con queste fibre, sono irrisorie, che i pericoli riguardano solo chi vive o lavora all’interno di strutture in cui si trovi l’asbesto, ma non è così semplice.

Per cominciare, non esiste una quantità minima o massima, entro la quale i rischi di ammalarsi si riducono: è sufficiente una sola fibra di amianto, per ammalarsi, in un lasso di latenza che può arrivare anche a 40 anni, ma che conduce poi a una rapida, e inevitabile, morte.
Certo maggiore è l’esposizione, maggiori sono le probabilità di malattie più rapide nell’uccidere chi ne viene a contatto, ma si tratta solo di “dettagli”: una volta entrato nel corpo umano, questo materiale non ne esce più.

In allegato trovate un documento del ’98 attestante la percentuale di amianto rinvenuta nel campione sottoposto ad analisi da parte degli abitanti delle White di via Feltrinelli, a Milano. La percentuale si attesta al 7%. Il “crisolito” è un tipo di amianto, uno dei più comuni
estratti e lavorati.

Tralasciando la possibilità di scarti significativi nelle percentuali rinvenute (tant’è che comunque i ricercatori dicono che tale precentuale, più aumenta, più si avvicina a valori attendibili, e ciò avviene dall’1% in su), nel caso delle White i conti sono presto fatti: l’edificio è costruito con pannelli di Ethernit, per un totale di 3,5 tonnellate, 3.500 chili di amianto. Con una percentuale di dispersione del 7%, la quantità rilasciata da questi pannelli, indicativamente, ammonta a 245Kg. 245Kg di fibre disperse per via aerea.  Se teniamo conto che un terreno, per legge, è definito contaminato da amianto se presenta un rapporto amianto/terreno superiore a 1 grammo
ogni chilo (ovvero 1 x mille), sarebbe interessante analizzare i terreni circostanti le White. Fino a che distanza, possono essersi sparse queste fibre, certo non ci è dato saperlo, essendo ciò dipendente dalle condizioni meteorologiche. Pare però ovvio che, nell’arco dei 30 anni in cui questo stabile è esistito, di fenomeni atmosferici avversi ce ne son stati molti, ed è altamente improbabile che quei 245Kg siano rimasti sul suolo circostante le White.

In generale, comunque, essendo l’asbesto, l’amianto, l’Ethernit, ancora così diffuso sul nostro territorio, i rischi anche per le persone che non abitano o lavorano nei pressi di stabili contenenti tale minerale, aumentano in modo preoccupante, così come in effetti risultano in generale aumentati i casi di tumori nei grandi centri urbani, dove altre simpatiche iniziative, come gli inceneritori (i cosiddetti “cancrovalorizzatori”), incrementano le possibilità di patologie cancerogene.

Non si tratta di allarmismo, ma pura e semplice logica, e scienza: nulla si crea o distrugge, tutto si trasforma.

E’ tempo di prendere atto che il futuro delle nostre, e nuove, generazioni è compromesso, se non interveniamo immediatamente.

Fonti:

http://www.arpa.emr.it/pubblicazioni/amianto/generale_1333.asp
http://it.wikipedia.org/wiki/Amianto
http://it.wikipedia.org/wiki/Crisotilo
http://www.prevenzioneonline.net/amianto/MATER/valuta.htm
http://www.ispesl.it/amianto/amianto/analisi/analisi.htm
http://www.ispesl.it/amianto/amianto/analisi/tab4_6.htm

17/11/2010 Posted by | Uncategorized | , , , , , | Lascia un commento

Decreto Sequestro Preventivo Santa Giulia

 

Decreto Sequestro Preventivo Santa Giulia – MAICON-vv

A completezza informativa, viene quì riportata copia del Decreto di Sequestro Preventivo relativo all’area denominata “Santa Giulia”. In tale atto sono riportate le prove ed evidenze ed analisi relative al tipo di contaminazione rilevata dagli organi preposti durante le “indagini preliminari”.

11/11/2010 Posted by | behsantagiulia | , , , | 3 commenti

Santagiulia Tour Operator

Settimana scorsa io e alcuni amici siamo andati a visitare il quartiere Santa Giulia. Abbiamo provato più volte a contattare, allacciare una relazione informativa, con i suoi residenti, in modo da ottenere qualche indicazione in più da parte di chi vive quella realtà quotidianamente, ma senza alcuna adesione fattiva: vuoi forse per la strumentalizzazione erronea perpretata da giornalisti in caccia di scandali, vuoi per la sciocca paura di una svalutazione immobiliare. Sciocca per due motivi: primo, il mercato mobiliare è al tracollo e non saranno queste “voci”, seppur confermate, a far divenire un pessimo investimento l’acquisto in quella (o altre) zona; due, se i miei figli camminassero sopra a dei rifiuti tossici, ne respirassero le esalazioni fetide emanate dal terreno, l’ultima mia preoccupazione sarebbe indubbiamente la casa.

Già perchè le informazioni trovate e ricevute riguardo questa zona a sud-est della nostra Milano, dipingono questo quartiere come un posto avvelenato, emarginato, quasi pericoloso, nella “bieca” periferia della città, dove mancano strutture e servizi, e dove persino l’asilo è da mesi sotto sequestro. (Questo un elenco delle informazioni raccolte)

Durante il nostro “tour”, complice il sole (che ha preceduto la pioggia pomeridiana), il primo impatto con i palazzoni in edilizia convenzionata non è stato negativo: ampi spazi, case nuove, tutto ben tenuto e in ordine, immerso in una zona dove lo sguardo può spaziare sul verde circostante. All’improvviso poi ci si accorge che non è tutto così fantastico: ogni viale è un cantiere, e tutta l’area del parchetto che comprende l’asilo, è recintata e inaccessibile, mentre in giro (forse complice l’orario di pranzo) non c’è praticamente nessuno. Sono rimasto colpito proprio da questo: dall’assoluta tranquillità di tutto il quartiere. Solo un bar aperto e un paio di “abitanti locali” che non hanno saputo certo darci informazioni. Per il resto, silenzio. Nessun movimento su balcone e finestre, molte tapparelle chiuse. Quasi un luogo fantasma: ma erano a pranzo

Abbiamo fatto così un giro esplorativo, giusto per farci un’idea della zona. Per capire a quanta distanza si trova Santa Giulia dalle White di via Feltrinelli e dalla sua collina di terra marcia: poco… 700 metri in linea d’aria. Mi fermo a soppesare mentalmente una fibra di amianto: quanto leggera può essere? Con un po’ di vento, dove può arrivare? 700 metri mi sembrano pochi, per dirsi al sicuro. Ma tanto  il problema non è soltanto quello: tutta la zona è compromessa da quello che è stato seppellito sotto il manto verde che tanto rinfranca la vista. Oltre all’asilo, tutta l’area che riguarda il fatiscente e futuristico complesso promesso dalla Risanamento di Zunino è stata bloccata per accertamenti della magistratura: recinzioni per chilometri.

A che punto saranno ora le indagini? E i controlli? Cosa rischia la gente che oggi vive in quell’area? Di certo la vicinanza con le White di Feltrinelli non è un toccasana per l’aria già insalubre del quartiere, ma oltre a questa bassa probabilità di contatto con l’Ethernit, a quali altri pericoli vanno incontro?

Spero che gli abitanti del quartiere escano dal loro riserbo per dire la propria opinione, raccontare i fatti. Vorrei solo ricordare a queste persone che alle White, in 26 anni sono morte 51 persone per tumore, molte oggi sono malate/operate/in cura/terminali e che le prime informazioni sull’Ethernit assassino risalgono al primo decennio del 1900, mentre la prima denuncia legale agli anni ’30… Oggi in Italia, a Milano, gli amministratori permettono (anzi, obbligano) la gente a morire respirandosi fibre di asbesto, anzichè bonificare…

Abitanti, cittadini, di Santa Giulia, avete il diritto alla salute da far valere: uscite allo scoperto, imponete il vostro diritto e riprendetevi un futuro ora rubatovi dall’avidità e dalla corruzione umana, prima che le sostanze chimiche seppellite sotto i vostri letti arrivino come incubi nella vostra vita

09/11/2010 Posted by | behsalute, behsantagiulia, Mafie, Territorio, Uncategorized | , , , | Lascia un commento

Discarica abusiva nel Parco Agricolo Sud di Milano

Nella periferia sud di Milano, all’inizio del suo parco agricolo, luogo in cui si dovrebbe coltivare il cibo per la popolazione della metropoli, non esistono più né tutele, né garanzie, sui prodotti che finiscono sulla nostra tavola.

Quanto mostrato, è da tempo noto alle forze dell’ordine

02/11/2010 Posted by | Uncategorized | , , , , | Lascia un commento

Rifiuti? Sì, grazie

Esatto, avete letto bene. Rifiuto. Rifiuto un mondo di rifiuti.

Questo quello che vi comunicano

…e questo vi informa cosa accade veramente… e non solo a Napoli!!

E’ tempo di dire basta!

Le soluzioni ci sono!

23/10/2010 Posted by | Uncategorized | , , , , | 1 commento