Schumyno

Cittadino libero e in movimento

NoTav: Massimo e Daniela liberi subito!!

 

Ricevo e giro il comunicato stampa ricevuto da Michele Michelino, da sempre in prima fila nella lotta per i diritti dei lavoratori, NoTav, con cui ho collaborato e collaboro contro l’amianto, del Comitato Per la Difesa Della Salute Nei Luoghi Di Lavoro E Nel Territorio

Aiutateci a fare l’impossibile: un mondo di diritti rispettati

Massimo e Daniela liberi subito!!

Ancora una volta chi lotta e si oppone alla logica del profitto, che distrugge gli esseri umani e la natura, ostacolando gli affari del grande capitale, viene perseguito e arrestato.
Questa volta è toccato a Massimo Passamani e Daniela Battisti, accusati anche di associazione sovversiva. Hanno partecipato alla lotta contro la TAV: un’opera inutile, dannosa alla salute dei cittadini e del territorio, costosissima, contro cui da anni si battono le popolazioni coinvolte da questa maxi-opera, che persino la Francia, per bocca del suo presidente, sta ripensando.

Oggi in molti paesi d’Europa c’è un’associazione davvero sovversiva: l’alleanza tra i padroni, i banchieri e il loro Stato, che sta distruggendo quanto rimasto dei diritti dei lavoratori, conquistati con lacrime e sangue. E’ l’associazione sovversiva che priva del futuro lavoratori e giovani contro cui, in questi giorni, si stanno battendo gli operai della Sardegna, tanto per fare un esempio.

Chi lotta per difendere i diritti dei lavoratori e delle popolazioni viene criminalizzato, denunciato, arrestato.

A chi, invece, assassina gli operai e le popolazioni – come i padroni dell’ILVA – lo Stato offre i soldi (i nostri soldi, quelli che “non ci sono” per la sanità, per la scuola, per le pensioni …) perché ricomincino a fare profitti. I manager delle grandi società finanziarie, i banchieri, diventano ministri, capi di Stato, presidenti della BCE.

Esprimiamo quindi tutta la nostra solidarietà militante a Massimo Passamani arrestato e in carcere a Udine e a Daniela Battisti, agli arresti domiciliari.
La loro battaglia, che è quella di chiunque lotta contro lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo, è la nostra battaglia.

Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio.

Sesto S.Giovanni, 2 settembre 2012                                                  Mail: cip.mi@tiscali.it

http://comitatodifesasalutessg.jimdo.com    

Annunci

04/09/2012 Posted by | amianto, NoTav, salute, Territorio | , , , , , , | Lascia un commento

Amianto via Larga, la parodia “amministrativa” perpetua…

Se l’Assessore Castellano avesse evitato di farsi pubblicità rilasciando dichiarazioni poco felici, forse non ci saremmo sentiti in dovere di rispondere per le rime. Alle parole, si risponde con i fatti.

Le immagini sono eloquenti: la storia raccontata più volte.

La salute dei cittadini, corrisponde al loro “benessere”, ovviamente. Noi ce lo ricordiamo, e se l’assessore ritiene che questo sia “vecchia politica”, faccia come meglio crede. Noi continuiamo a fare quel che pensiamo, e non a dire quel che non facciamo.

Dietro a quel “noi”, non ci sono sigle… ci sono persone, che si sono messe in discussione, rischiando in prima persona ognuno il suo, perché hanno deciso di non delegare più al prossimo quello che possono fare loro…

…far valere i propri diritti.

09/06/2012 Posted by | amianto, salute | , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Casale Monferrato e Eternit: la sentenza

Ieri a Torino, sotto i riflettori dei media e di tutti i cittadini accorsi al presidio organizzato sotto il Palazzo di Giustizia dai diversi comitati e associazioni “vittime” della scelleratezza umana, si è conclusa la causa di primo grado che vedeva coinvolti da una parte la società Eternit e i suoi legali rappresentanti, dall’altra una lista di 6.000 parti civili, tra i quali lo stesso comune di Casale Monferrato.

La condanna è giunta per i due ex manager della società: per le accuse di disastro ambientale doloso e omissione volontaria delle cautele antinfortunistiche sono stati inflitti a Schmidheiny (65 anni) e De Cartier (91 anni) 16 anni di reclusione ciascuno.

Una sentenza storica, che accoglie almeno in parte il desiderio di giustizia:
ora bisogna bonificare.

per approfondimenti:

http://www.notav.info/senza-categoria/sentenza-eternit-di-massimo-zucchetti/
http://www.ilmattino.it/articolo.php?id=181209
http://www.agi.it/in-primo-piano/notizie/201202132211-ipp-rt10354-eternit_tribunale_torino_sentenza_storica_e_esemplare
http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=161634
http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/02/13/eternit-oggi-sentenza-conclusiva-laccusa-chiede-anni-reclusione/190897/
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-02-13/eternit-imputati-condannati-anni-132745.shtml?uuid=AajNjCrE&p=2

15/02/2012 Posted by | Uncategorized | , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Milano e le sue bonifiche

In una città con strade ormai deserte, ma dai centri commerciali affollati, i problemi che riguardano la salute dei cittadini rimangono tali, come indifferenti a questa pazza estate, come d’altronde da sempre. Anzi è soprattutto in questo periodo, dove la ridotta presenza di cittadini nei luoghi più disparati, che chi ha qualcosa di poco “conveniente” da fare ne approfitta: tutti conosciamo casi di furti in appartamenti vuoti, sgomberi di varia natura, leggi ad personam… bonifiche…

Siccome il MoVimento 5 Stelle è composto da molti semplici cittadini, molti di coloro che credono in questo progetto sono rimasti in città (chi per scelta “consigliata”, chi per “esigenza”) a portare avanti questo progetto di buon senso, che comprende anche l’eliminazione dei rischi collegati a ciò che la nostra evoluzione “industrial-economica” ha generato. Mentre il Consiglio Comunale, anticipando addirittura il chiacchierato Parlamento, ha chiuso i battenti fino al 6 settembre, giorno per cui è fissato l’incontro della prima commissione (il 12 settembre la prima seduta del Consiglio), i lavori di bonifica di via Feltrinelli 16, le così chiamate White (che seguiamo da tempo, con Elena Ferrarese, che ha vissuto lì e continua a lottare per i diritti alla salute), sono cominciati e procedono, guarda caso, spediti. Ma se di “bonifica” si può parlare, lo scopriremo solo quando ci consegneranno gli atti che riguardano gli appalti. Al momento sappiamo solo che nel ’98 la ASL dichiarò che i pannelli delle White (3.500Kg) contenevano il 7% di asbesto, che nel 2008 (guarda caso l’8 agosto, lavorano sempre questi politici…) il comune dichiarava avrebbe adottato “tutte le misure per la messa in sicurezza il quartiere“, oltre a stimare una spesa di 15 milioni di euro. Oggi scopriamo che l’importo dei lavori è inferiore ai 7 milioni, e che i lavori vengono eseguiti come mostrato nel nostro allegato video.
Non vogliamo muovere accuse: analizzeremo i documenti che otterremo (se e quando ce li daranno) e vedremo se è tutto regolare. Quello che vogliamo è sapere se ritenete corretto un simile sistema di “bonifica”, o se credete che ci vogliano maggiori cautele.
Vi invitiamo a continuare a segnalarci/mappare gli edifici o zone dove credete occorra un qualche tipo di intervento a garanzia della salute di tutti noi.
Loro non molleranno mai (ma gli conviene?)… noi neppure
post aggiunto 03/11/11

09/08/2011 Posted by | Uncategorized | , , , , , , , , , | Lascia un commento