Schumyno

Cittadino libero e in movimento

Ponte Morandi: a Genova il tempo è galantuomo (per i soliti noti)

Davvero esilarante la “coincidenza”: ieri, giorno del 5° “mesiversario” del  crollo del Ponte Morandi, sono stati eseguiti i test di idoneità statica di uno dei due tronconi di quel ponte dipinto per 5 mesi come il ponte assassino, tanto da precludere e vietare l’utilizzo delle sottostanti arterie principali della Valpolcevera, velocizzando così il collasso dell’economia della zona, dopo avere compromesso quella industriale e commerciale legata direttamente al grande porto di Genova. Il Test ovviamente ha trovato il ponte in condizioni migliori di molti altri ponti oggi utilizzati quotidianamente dagli utenti, come ben riassunto in questo post

La beffa, dunque, continua indisturbata.
Nel frattempo, i “cattivi e brutti e incompetenti” che mai pagheranno per le loro malefatte (vedi sentenza della strage pugliese) continuano a incassare i frutti delle concessioni e a investire su questa tragedia
https://telenord.it/ponte-morandi-autostrade-compra-le-aree-delle-aziende-in-zona-rossa/
Esilarante anche il “nuovo contributo” video diffuso i primi di gennaio, che riporta come data in sovrimpressione “14 agosto 2017“, e come orario d’inizio le 11:57, ovvero ben 20 minuti dopo il crollo, quando già numerosi mezzi di soccorso erano giunti sul luogo della strage. La sceneggiatura di questa colossale opera di disinformazione dunque si arricchisce di nuove perle: dai mezzi miracolosamente apparsi sul luogo del crimine nessuna immagine è pervenuta, ma mesi dopo pubblicano il video di una volante (“che si precipita sul posto”!) che vaga in città mentre già diversi operatori soccorrono le vittime da un bel pezzo.
Il tutto ovviamente senza dimenticarci che dopo 5 mesi ancora nessun video “pulito”, “originale”, è stato diffuso dai media. Dopo 5 mesi, noi poveri comuni mortali, dispensatori di giudizi e condanne facili sul povero defunto ingegnere Morandi, basiamo le nostre certezze su video MANOMESSI e/o ARTEFATTI.
Probabilmente la Procura sta ancora ascoltando, una ad una, le testimonianze dei 1.510.000 abitanti della zona metropolitana, e quindi per paura di influenzare i ricordi dei possibili testimoni, preferisce non fare vedere le immagini VERE di quanto è accaduto tra le 11:35 e le 11:37 del 14 agosto del 2018
Se hai dei dubbi sulla veridicità di quanto affermato sui video precedenti, vedi https://schumyno.wordpress.com/2018/11/14/ponte-morandi-genova-3-mesi-dopo-le-vittime-aspettano-risposte/ oppure “uno bravo”
Annunci

15/01/2019 Posted by | Giustizia, Informazione, Politica, Uncategorized | , , , | Lascia un commento